NICOLO' DUCHINI

Nicolò è un trentenne della provincia senese.

Ha partecipato alla nona edizione di MasterChef Italia, eliminato ad un passo dalla finale.

Ha vinto un difficilissimo Invention test con ospite lo chef Jeremy Chan ed una mistery box realizzata con la "collaborazione" del fratello.

Dopo la partecipazione a MasterChef Nicolò si è dedicato completamente alla cucina e adesso è un personal chef anche se non ha abbondonato i social!

LE DOMANDE COMUNI A TUTTI I CONCORRENTI:

1) Chi è, il concorrente delle 8 edizioni che più ti è piaciuto (come personaggio e come chef)?

Escludendo la mia edizione credo che Valerio e Gilberto erano i miei preferiti per quanto riguarda la cucina. I personaggi che mi sono piaciuti di più invece sono Manuela (MC 7) e Lorenzo (MC 5).

2) Chi secondo te, può vincere questa 10^ edizione?

Troppo presto per dirlo.

3) Con chi hai legato di più nella tua edizione?

Io ho stretto rapporti diversi con tanti, ancora mi sento regolarmente con almeno 8 dei 20 della mia edizione. 

 

4) Sinceramente, pensi che la tua posizione sia stata giusta o meritavi di più (o anche meno...)?...

Credo che la mia posizione sia stata giusta valutando tutte le componenti della gara. Se fosse stata solo ed esclusivamente una gara di cucina magari avrei meritato qualcosa di più, se fosse stato solo un TV Show magari avrei meritato qualcosa di meno.

5) Rifaresti l 'esperienza di Masterchef ? 

Beh sicuramente si, senza ombra di dubbio.

6) Dopo Masterchef, la tua vita è rimasta uguale o è cambiata (in meglio o peggio)? 

La vita è cambiata, ma non troppo. Sicuramente sono aumentate le possibilità e le opportunità, ma la realtà è stata condizionata dal Covid. Quindi staremo a vedere!

7) Qual è l'esterna che ricordi con maggior piacere?

La gioia più grande è stata alla Tenuta Colombara di Riso Acquerello. Capitano degli esclusi, vittoria schiacciante 36 a 4 e tutti a casa!

8) Come hai fatto (se ci sei riuscito......) a mantenere il silenzio (con amici, parenti o conoscenti) nei mesi di attesa tra la partecipazione e la messa in onda del programma?

Sono stato a casa e sono uscito poco al mio ritorno. Sono stato misterioso e un po' sociopatico. Meglio aver paura che buscarne.

9) Secondo te.....sei stato trattato dalla produzione: 1)da concorrente di un concorso di cucina, 2) da concorrente del grande fratello 3) da attore inconsapevole.

Sono stato trattato come un concorrente di Masterchef.

10) il tuo sogno nel cassetto......

Il mio sogno principale è avere sempre nuovi sogni da inseguire.

LE DOMANDE DEL GRUPPO MASTERCHEF ITALIA

Fabio Marino:
Ciao Nicolò. Hai fatto un bel percorso nella masterclass direi in crescendo. Quattro volte tra i migliori, solo una volta tra i peggiori. Ironia della sorte le tue vittorie (una mistery ed un Invention) sono arrivate poco prima dell'eliminazione! Quanto ti pesa questa cosa? Quando hai capito che saresti eliminato?

Ho capito che sarei stato eliminato prima della prova in cui sono stato eliminato.

 

Ciro:
Quale sarebbe stato il tuo menù per la finale"? 

Il mio menù per la finale sarebbe stato quasi esclusivamente a base di pesce tranne che per il dolce che sarebbe stato molto particolare e provocatorio: una sacher pereparata con fegato di pollo e cacao.

LOTHAR:La tua amicizia con Luciano è una delle più belle in assoluto della storia del programma, ma alla fine dei conti lo hai eliminato tu. Io ritengo non per colpa tua ma della modestia del vantaggio della vittoria dell'invention test. Concordi di essere stato sfortunato nell'avere quel vantaggio o pensi di averlo sfruttato male tu?

Diciamo che il duello con Luciano a parere mio non ci doveva essere, però sono contento che Luciano e io siamo arrivati quasi in fondo insieme perchè è nata un'insolita e profonda amicizia.

Gianna:
Vorrei sapere se dopo Masterchef hai avuto qualche offerta dagli chef giudici o con chi di loro avresti lavorato più volentieri?

No, purtroppo non ho avuto questo onore. Avrei lavorato molto volentieri nella cucina dello Chef Locatelli.

Paola:
L'esperienza a  Masterchef cosa ti  ha lasciato?

L'esperienza a Masterchef è stata importantissima e mi ha lasciato tante sensazioni e opportunità in tanti campi. Ma la cosa più bella sono stati i rapporti con i miei compagni di avventura. Per me sono compagni e non avversari perchè la gara io l'ho sempre giocata con me stesso".

Silvana:
Ciao Nicolò,  ti ricordo sempre molto pacato, anzi diciamo che forti sclerate in questa edizione non ci sono state..... Volevo chiederti se hai mai vissuto un'ingiustizia durante il programma? C'è mai stata qualche volta che il giudizio dei giudici non ti è sembrato giusto e l'hai vissuta male ?  Sto guardando in questo momento la puntata in cui non hai fatto l'esterna. Non so cosa stai facendo in questo momento, ti chiedo, se ti facessero la proposta di fare un viaggio, almeno un anno, per conoscere bene la  cucina di altri paesi del pianeta accetteresti ?  Io subito, tante buone cose...

Diciamo che il programma è molto duro e bisogna avere le spalle belle larghe. La percezione dell'ingiustizia in una gara di qualsiasi tipo si prova sempre. Il fischio sbagliato dell'arbitro, la bandierina alzata quando non sembra fuorigioco e un giudizio negativo che non sentivi di meritare. Tutto sommato fa parte del gioco e accettare è la maniera più giusta per poter restare positivi.

Giuseppe:
Ciao, che consigli ti senti di dare a chi vorrebbe partecipare a MasterChef? Che sensazione si prova a varcare la porta della masterclass?

La sensazione è incredibile, sembra di essere in un sogno. Il consiglio che ti posso dare è di essere sicuro di quello che fai e di curare l'aspetto umano più della competizione per crearti la possibilità di vincere in più campi.

Lina:
Cosa fai adesso?

Adesso sto seminandoin attesa del raccolto.

Manuela: 
Vorrei sapere i tuoi progetti futuri e il piatto che più ti ha emozionato realizzare a Masterchef!

Di progetti ce ne sono, ma il periodo richiede una dose di scaramanzia e di speranza. Quindi finchè non si realizzano non dico niente e incrocio le dita! Per me sono stati tutti emozionanti allo stesso modo, ma se devo scegliere quello venuto meglio secondo me è stato il pollo cotto in umido che è stato bocciato allo skill test!

 

 

Anna:
Una gran bella persona, educata e preparata, meritavi molto di più. Mi piacerebbe sapere se sei riuscito a realizzare qualche sogno riguardo alla tua passione. 

Si, ora sono un cuoco a tutti gli effetti anche se non ho potuto lavorare con la frequenza che desideravo. Ma comunque la cucina è la strada che ho preso e che poterò avanti!

Maria G. Ciao Nicolò, in un'intervista che  lessi qualche tempo fa, dicevi di avere come tuo progetto un format, con un'azienda, che trattasse di cucina, salute e benessere, proiettata inizialmente su Firenze. Volevo sapere a che punto è questo tuo progetto e se, a lungo termine, pensavi di allargarlo ad altre zone della penisola".

Il  progetto era concreto e vicino alla realizzazione. Purtroppo il Virus ha bloccato tutto. Non so se in futuro sarà ripreso, ma ho dovuto virare verso altri obiettivi.

ALCUNI PIATTI DI NICOLO'

Grazie Nic!

Fabio M.